INCIDENTI...

Noi siam come le lucciole

CONSIDERAZIONI

Auto(dis)biografie: il 1453 non arriva per tutti nello stesso momento

Io provengo da una famiglia priva di cultura libraria, dove la parola scritta creativa è risultata sempre totalmente indifferente, sebbene sullo sfondo di una blanda riverenza tanto convenzionale quanto astratta (all'incirca lo stesso trattamento riservato al divino)....

Ispirate da Jacques Vaché

Leggendo questa lettera si è portati a riflettere sul fatto che alcuni scrittori, anche tra quelli che hanno realizzato ottime opere, avrebbero potuto fare di più e meglio. Zavattini sarebbe stato un grandissimo, al pari di Calvino, se avesse avuto la letteratura come...

Vincono i contemporanei

Considerato che i libri contemporanei sono pieni di refusi, stampati su carta scadente, male assemblati. Considerato che nei libri contemporanei le introduzioni (e le quarte di copertina, le schede ecc.) vengono scritte dall'autore stesso, che la grafica si situa tra...

Lo scrittore virgola

Dopo gli scrittori maledetto, illustrati tempo fa, accenniamo a un'altra categoria popolosa e fervida che alberga nel mondo letterario, quella degli scrittori virgola. Gli scrittori virgola si chiamano così perché adorano scrivere liste, non su bigliettini di ausilio...

Gli scrittori maledetto

C'è stata un'epoca che ha dato alla luce i poeti maledetti, in questa invece imperversano gli scrittori maledetto.Gli scrittori maledetto sono quelli che, affermati, esordienti o aspiranti, sono addivenuti alla pragmatica illuminazione che per avere successo e vendere...

CARTEGGI, DIARI, DATE

Troppo fusto per subire, come fare?

Questa condensata autobiografia-fiume sembra quasi scaturita dalla centuria manganelliana. Le difficoltà di trovare una partner adeguata per certe pratiche si è dissolta nell'attuale era delle infinite combinazioni (a pagamento). La donna di attitudine sadica nel...

Prima della legittimazione metrosexual

Chi aveva certe passioni, in sboccio negli anni '60/'70 insieme al diffondersi del benessere, si vedeva costretto a coltivarle in segreto. Oggi la necessità di nascondersi è venuta meno e il desiderio di esibirsi, sia esso funzionale a una perversione, o perversione...

Sesso a distanza, o meglio, distante, negli anni ’80

Quanti strati sotto si trova il godimento della fisicità? Un esempio emblematico della cosiddetta frigidità nella sua accezione classica, problema d'altri tempi (ma i classici spesso si ripresentano sotto nuove forme).

Studente scrive a “Men”: ho ampi progetti per “lui”

Uno studente di medicina di Padova al quinto anno vuole "cambiare la carrozzeria lasciando immutato il motore". A tale scopo chiede informazioni al mensile "Men", e questo la dice lunga su quanto approfonditi fossero gli studi di sessuologia. Se non è in pensione,...

Una “donna” distrutta scrive alla psicologa

Ho fatto ciò che lui voleva, mi sono riplasmata sui suoi desideri, è stato durissimo ma ce l'ho fatta. Adesso mi ha lasciata e ormai sto già per compiere sedici anni.

Patemi di lei nell’essere bella, patemi di lui nel farsi bella

Anni '90, anni '70, i maschi mirano unicamente a una cosa, anche quando amano indossare minigonne strettissime.

Il problema più sentito di tutti

Lirismo e durezza, immaginazione e realismo. L'incandescenza del sentire in una quindicenne di alcuni decenni fa.

Lei ha riscontrato in me un po’ di impotenza

Galeotto fu il super8, il celebre formato per proiettori che fino agli anni '80 ha permesso la visione delle pellicole in casa. Uno scioccante filmino a luci rosse induce un drastico cambio di prospettiva : se proprio non c'è niente da fare "sarei disposto anche a...

Negli anni ’90, prima dello sdoganamento “granny”

Il vincitore del torneo "perversione & tenerezza" 1997.

Anche i maschi scrivono a “Ragazza in”

La tragedia di essere troppo un bravo ragazzo. La ex "Si è incavolata tanto che balbettava"

SCENETTE

La Brasiliana, tecniche di sganciamento

Io: «Ma se l'importuno è di quelli invadenti superciarlieri che non mollano l'osso?» Brasiliana: «Lo faccio smettere per sfinimento». Io: «No, non hai capito, è lui quello che ti sfinisce». Brasiliana: «Mettimi alla prova». Io: «Va bene. Ehi ciao! Tu sei brasiliana,...

La brasiliana mi lancia un’occhiata distratta da dietro il pc

...e mi fa: «È ancora valida la regola di non trattare argomenti sgradevoli a tavola?» Rispondo: «Sì, certo, in particolare se il cibo è buono». Lei: «Ok, allora stasera cucini tu». Io: «Perché?» Lei: «Devo parlarti di quel tuo taglio di capelli».

Vita con la B.

Io: «Ma è tutto qui quello che abbiamo per cenare stasera?» Brasiliana: «Sì, domani devi andare a fare la spesa». Io: «E quindi adesso dobbiamo dividerci queste due uova?» Brasiliana: «Sì. Io tra i due ho già scelto il mio, ti dico qual è?»

La sua scarsa attitudine al virtuale

Io: «Ma tu hai mai fatto sesso a distanza?» Brasiliana: «Intendi dire col profilattico?»

La sfida del progresso (persa)

Io: «Chissà se, per quando sarò totalmente sopraffatto dalla decrepitudine, avranno inventato delle macchine badanti robotizzate...» Brasiliana: «Ancora te lo chiedi? È evidente che non hanno fatto in tempo».

Disputa filosofica

Io: «Cos'è tutto questo disordine ovunque, è possibile che in 'sta casa non ci sia mai...» Brasiliana, melliflua: «Guarda che il caos non è nient'altro che l'insieme di tutti i tipi di ordine». Io: «E questa da dove viene? Ti si è incastrato il telecomando su un...

‎Parlando dell’onestà intellettuale con la brasiliana

Io: «... Per riassumere il discorso in due parole, se il genio si trova tra talenti ordinari predomina, mentre se finisce tra dei mediocri non ha alcuna speranza neanche di farsi considerare. Capito cosa intendo?» Brasiliana: «Certo, significa che se non diventerò mai...

Dialogo con Flaubert redivivo

Sull'argomento: gli amici Flaubert: «Sono d'accordo che siano pochi, invero non bastano mai, però almeno quelli più fidati sanno accorrere in aiuto nei momenti di grave difficoltà».Io: «Più o meno...»Flaubert: «Quando l'azienda del marito di mia sorella si trovò...

Dialogo tra un inattuale e un contemporaneo

Inattuale (guardandosi intorno): «Che secolo mediocre».Contemporaneo: «Pazienza, facendo media con gli altri magari il genere umano nel complesso si salva».Inattuale: «Ragionamento tipico dei mediocri».Contemporaneo: «Be', non si può dire che la nascondiamo, la nostra...

Dialogo sugli animali

«Sai perché io preferisco gli animali? Perché il loro amore è assoluto e incondizionato».«Giusto, ti amano anche se non sei bello, o ricco».«Infatti».«Non devi nemmeno essere intelligente, il loro amore lo avrai comunque».«Verissimo».«Non occorre neppure che te lo...

BREVISSIMI

Ci sono più giorni

che famiglie.

Dubbio attorno alla letteratura

Ci sarà ancora qualcuno in grado di scrivere di una realtà che non lo circonda?

Adeguamenti

A causa dell'elefantiasi di cui soffre in rete la libertà di espressione, siamo costretti ad abbassare il periodo di celebrità procapite da quindici minuti a quindici secondi. Il dato è comunque in linea con l'attuale soglia di attenzione media.

Austerity

Insomma, non bisogna sempre cercare il tuorlo nell'uovo.

Ideale

Lo scrittore ideale è uno scrittore senza tempo. Il critico ideale è un lettore senza tempo. Tutti gli altri dovrebbero cercare di fare perdere meno tempo possibile.

Eppure

Nulla vieta a un imbecille di studiare Wittgenstein

Verso Alessandria?

Stiamo passando dall'era "gli unici libri buoni sono quelli di autori morti"all'era"gli unici libri buoni sono quelli di autori morti pubblicati da editori morti".

Il peggior committente

Il peggior committente è il pubblico

Molti pensano che basti travestire

le proprie meschinità da battute di spirito, perché nessuno le riconosca come tali.

POESIE

Reperto

Capitolo I Al principio. Fu uno e poiché altri non vi era uno era tutto senza bisogno di affermarlo bisogno di saperlo. Senza verbo. Capitolo II Fu due. Così non fu più tutto, perché era due ossia erano. Nacquero confronto e...

Il più lieto finire

Giusto l'arbitrio consente di chiamare notte questa ora, e così farla appartenere a un giorno già estinto. È un lasco convenzionale, comodo per gli esitanti, che nel loro diario possono far figura di discreti decisionisti, non sbarbati ammodo, non truccati come si...

Sincronicità

Latte imbarazzato sulle ginocchia Il soffitto cola glucidi cucci Le caviglie cremisi inamidate Nella pasticceria di sopra il garzone sta venendo frustato Risalgo la corrente, mani guidate Pochi barlumi, nessun ostacolo Prendo e scuoto: la gabbia geme sorrisi diffusi...

Solamente a valle

Abitiamo su monti diversi C'incontriamo solamente a valle

Distopi cronici

Distopi cronici storia impossibile nell'infinito Che pace

Fondere (s’in-c’erare)

Fondere s'in-c'erare Scopro i tuoi piedi ai piedi del letto scrivendoci sotto oscenità immonde Al ritorno controllo se leccando le ha tolte celebrandoti lucida, pura attrezzo da valigetta O se lui come me mette il seme a seccare addosso un'arida lesa e al suo sonno...

VISIBILI

Il mio reportage esclusivo sul Premio Strega

Eccoci all'indomani della più bella manifestazione culturale del nostro stivale. Per i comuni mortali che non hanno potuto partecipare ai festeggiamenti all'ombra della grande bottiglia, abbiamo preparato un'esclusivissimo resoconto per immagini. Venti istantanee...

Padre fondatore della Patria vs bionda svampita

Strano tipo Thomas Jefferson... Nata ieri (1950)

Me l’ha detto lei e aveva ragione

Perché certe questioni vanno lasciate a quello competente in merito Vivere insieme (1952)

…scrivere un libro…

Burn after reading (2008)

Ti mando un miglione di baci

e un metodo educativoTeresa Venerdì (1941)

Omaggio a una certa città

Un uomo, una città (1974)

Eventualmente, padrone del mondo

Adventureland (2009)

Maschio o femmina?

Congiunzioni tra il genio rinascimentale e quello contemporaneo.Il rosso e il blu (2012)
error: Azione non permessa