Non avendo lasciato opere compiute, nessuno sa più chi sia Jacques Vaché. Ma Breton e gli altri surrealisti, che lo conoscevano di persona, ne ammiravano l’intelligenza anticonformista e visionaria, fino a mitizzarlo dopo la sua prematura morte (avvenuta per overdose di oppio).
Un’ulteriore riflessione su questa lettera qui.

9 Maggio 1918, Jacques Vaché a André Breton

da | Carteggi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *