Fondere (s’in-c’erare)

da | Poesia

Fondere
s’in-c’erare

Scopro i tuoi piedi
ai piedi del letto
scrivendoci sotto
oscenità immonde
Al ritorno controllo
se leccando le ha tolte
celebrandoti lucida, pura
attrezzo da valigetta
O se lui come me
mette il seme a seccare
addosso un’arida lesa
e al suo sonno vincente

Uguagliando ogni insulto
a volgare sporcizia
dopo un semplice bagno
hai ripreso a dormire.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *